Un anno con il CSV

Un anno con il CSV

Si chiude un anno intenso per il CSV Cosenza. Abbiamo vissuto insieme l’avventura di essere, per il 2023, la capitale italiana del volontariato. Eventi, incontri, manifestazioni hanno animato Cosenza e la sua provincia e rafforzato legami sul territorio e in ambito nazionale.

Abbiamo sostenuto le associazioni nell’adeguamento alla riforma del terzo settore fornendo supporto e consulenze e garantendo la presenza sui territori per l’iscrizione al registro unico del terzo settore.

Abbiamo formato i volontari con diversi corsi e seminari, in presenza ed online, incentrati su aspetti più tecnici come il rendiconto di cassa o il rapporto con assicurazioni e banche, passando per gli obiettivi sostenibili. Si è intensificato il rapporto con l’Università della Calabria che è stata anche partner del primo Master sulla sostenibilità ambientale realizzato con le altre sei sedi Univol (Università del volontariato).

Abbiamo supportato gli enti di terzo settore nella progettazione sociale, presentando e segnalando bandi e garantendogli consulenze nella realizzazione dei progetti. In particolare, abbiamo sostenuto le associazioni coinvolte nei finanziamenti dell’Agenda Urbana Cosenza Rende che hanno contribuito a cambiare volto alle città attraverso interventi mirati.

In un anno si è concluso il programma di servizio civile “Generatività sociale 2.0” ed è stato avviato il programma “Restanti”. La presenza degli operatori volontari di servizio civile rappresenta un aiuto importante per gli enti di terzo settore che fanno parte della rete del CSV. La nostra sfida è quella di stimolare i ragazzi a partecipare alla vita della comunità, a far sentire la propria presenza e ad essere protagonisti del cambiamento.

È difficile racchiudere, in poche righe o immagini, un anno così importante.

È stata pubblicata la ricerca “Il Volontariato che cambia” a cura dell’Università della Calabria che fotografa il volontariato cosentino e traccia una rotta per il futuro del CSV; sono stati organizzati momenti di incontro e confronto a livello regionale come Cammino tra le storie e gli Stati generali del Terzo Settore; si è avviata una interlocuzione più significativa con le istituzioni su vari livelli. Tutto con l’obiettivo di rafforzare, qualificare e valorizzare il volontariato.

Grazie per aver condiviso con noi questo tratto di strada, ci aspettano traiettorie nuove.

Buone feste e buon anno a tutti!

Articolo precedente Convegno ALT sulla legalità