CSV Cosenza

Riapertura dei termini per la presentazione delle domande degli stranieri ai bandi di SCN e proroga scadenza invio graduatorie

Il Tribunale di Milano ha dichiarato «il carattere discriminatorio dell’art. 3 del bando per la selezione di 8146 volontari da avviare al servizio nell’anno 2013 nei progetti di servizio civile in Italia e all’estero pubblicato il 4.10.2013 nella parte in cui richiede la cittadinanza italiana», in base alla considerazione che «il termine “cittadino” va inteso riferito al soggetto che appartiene stabilmente e regolarmente alla comunità italiana» ordinando all’Ufficio nazionale per il servizio civile "...di cessare il comportamento discriminatorio, di modificare il bando nella parte in cui prevede il requisito della cittadinanza consentendo l’accesso anche agli stranieri soggiornanti regolarmente in Italia e di fissare un termine non inferiore a 10 giorni dalla comunicazione della presente ordinanza per la presentazione delle ulteriori domande di ammissione".

In considerazione di ciò sono riaperti i termini per la presentazione delle domande ai bandi per i giovani stranieri  non aventi la cittadinanza italiana riconducibili alle seguenti categorie:

  • cittadini dell’Unione europea;
  • familiari dei cittadini dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • titolari di permesso di soggiorno per asilo;
  • titolari di permesso per protezione sussidiaria;

Le domande di partecipazione devono pervenire all’ente che realizza il progetto prescelto entro e non oltre le ore 14.00 del 16/12/2013. Le domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno prese in considerazione. Non farà fede la data di spedizione della domanda.

Per quanto concerne gli Enti, in ragione della riapertura dei termini in favore degli stranieri, la scadenza del 31 marzo 2014, indicata  per l’invio delle graduatorie da parte degli Enti di servizio civile al Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale, è prorogata al 30 aprile 2014. Ricordiamo che il mancato invio delle graduatorie, entro il 30 aprile 2014, comporta la non attivazione dei progetti.