CSV Cosenza

programma futurae

Imprenditoria migranti. Aiuto gratuito della Camera di Commercio

Leggi tutto...

  • Scritto da CSV Cosenza
  • Visite: 104
porte aperte libro marazziti

Porte Aperte. Presentazione libro all’Unical

Sarà presentato lunedì 10 febbraio, alle 10, nella sala stampa dell’aula magna dell’Università della Calabria, il libro di Mario Marazziti “Porte aperte, viaggio nell’Italia che non ha paura”, edito da Piemme. Ad organizzare l’iniziativa la Comunità di Sant’Egidio e Occhialì - Laboratorio sul mediterraneo islamico, struttura afferente al Dipartimento di lingue e scienze dell’educazione dell’Unical.

Leggi tutto...

  • Scritto da CSV Cosenza
  • Visite: 227
Aristi dicolore Moci

Dalla baraccopoli alla pittura. Mostra a Cosenza

Da venerdì 25 ottobre a domenica 17 novembre il Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza ospiterà “Our Stories, Human Stories”, la mostra collettiva di quattro artisti della baraccopoli di Mukuru a Nairobi (Kenya): Joseph Waweru Wangui (in arte Weche); Kimathi Josephat (Kim); Lawrence Mwangi (Shabu) e Ngugi Waweru (Googs).

L’iniziativa è a cura del MoCi ONG Cosenza ed è sostenuta dalla Caritas della Diocesi di Cosenza – Bisignano. Alcune tele saranno messe in mostra al Cinema San Nicola di Cosenza nell’ambito del My Art Film Festival dal 5 al 9 novembre. Dal 10 al 20 novembre sarà, invece, possibile ammirarle nella galleria d’arte “Il Coscile” a Castrovillari.

I quattro artisti, nel 2004, hanno fondato “Wajukuu Art Project”, associazione impegnata nell’empowerment della propria comunità. La mission dell’associazione è quella di creare luoghi di aggregazione e socialità all’interno di una comunità a rischio per sopravvivere alle difficoltà del vivere in una baraccopoli (droga, crimine, abusi) mettendo a disposizione uno spazio in cui i giovani possano esprimersi attraverso l’arte, così da renderli esseri pensanti, critici e responsabili. Wajukuu Arts sviluppa percorsi artistici per i più giovani realizzando laboratori creativi rivolti a bambini e ragazzi al fine di valorizzare e accrescere il loro talento allontanandoli dalla strada e svolgendo attività socio-educative e riabilitative attraverso l’utilizzo dell’arte come mezzo di espressione (lezioni e laboratori d’arte, peer education, allevamento e agricoltura, pulizia della comunità, proiezioni di documentari, ballo tradizionale). Il MoCI ONG è partner e sostenitore di queste attività dal 2007.

L’inaugurazione della mostra è prevista alle 18 del 25 ottobre.

  • Scritto da Lory Biondi
  • Visite: 861