CSV Cosenza

Decreto fiscale: cosa cambia per il Terzo settore

Il 13 dicembre 2018, la Camera dei Deputati ha approvato il disegno di legge di conversione del c.d. decreto-legge “fiscale”, 23 ottobre 2018, n. 119. Il testo presenta un articolo (il 24-ter) di specifico interesse per il terzo settore, poiché modifica alcune disposizioni del relativo Codice del Terzo Settore (D.lgs. 117/2017).

La prima novità di rilievo riguarda le organizzazioni di volontariato (art.33 comma 3). A tali associazioni è consentito svolgere le cosiddette “attività di interesse generale” anche dietro versamento di corrispettivi che possono superare le spese effettivamente sostenute e documentate per la realizzazione di tale attività. La condizione, però, è che questa attività di interesse generale rimanga “secondaria e strumentale” rispetto alle altre, per le quali è previsto il solo rimborso spese, nei limiti stabiliti dall’art. 6 del Codice del Terzo settore. 

Altra novità riguarda il nuovo comma 2-bis introdotto all’art. 79 che rende più elastico il confine tra attività considerate commerciali ed attività non commerciali. Se, prima, lo sforamento (anche di un solo punto percentuale) determinava l’immediata perdita della qualifica di non commercialità, ora i ricavi possono superare il limite del 5% dei costi dell’attività, ma per un solo periodo d’imposta, senza che ciò determini la perdita della qualifica di non commercialità. Lo sforamento entro il 5% può avvenire anche nel successivo periodo d’imposta, ma al terzo sforamento consecutivo, l’attività verrà considerata commerciale e con essa anche l’ente di terzo settore che la esercita.

Un’ulteriore modifica è stata apportata all’art. 101, comma 10: sono state soppresse le parole “in denaro”. Ciò significa che la misura di favore, cioè la detrazione del 35% per erogazioni liberali in favore delle ODV iscritte nel Runts, riguarda le erogazioni liberali di qualsiasi specie. Potranno essere detratte non solo le erogazioni in denaro, ma anche quelle in natura.

Alla luce di queste novità e proseguendo il lavoro di affiancamento alle realtà del terzo settore, il CSV della provincia di Cosenza organizzerà nuovi incontri per proseguire il lavoro di orientamento e informazione attraverso seminari e approfondimenti.